domenica 17 maggio 2015

NUOVO PIA PICCOLE IMPRESE - PROGRAMMI INTEGRATI DI AGEVOLAZIONE

+ No comment yet
Con il PIA si possono realizzare investimenti in unità locali ubicate/da ubicare nel territorio della Regione Puglia e riguardanti:
- la realizzazione di nuove unità produttive;
- l'ampliamento di unità produttive esistenti;
- la diversificazione della produzione di uno stabilimento esistente per ottenere prodotti mai fabbricati precedentemente;
- un cambiamento fondamentale del processo di produzione complessivo di un'unità produttiva esistente.

TIPOLOGIA:
contributo a fondo perduto:
- 45% studi di fattibilità
- 25% acquisto suolo aziendale, opere murarie;
- 45% impianti, macchinari, attrezzature;
- 70% ricerca industriale;
- 45% sviluppo sperimentale

INIZIO PRESENTAZIONE DOMANDE:
- 3 giugno 2015. Domande a sportello.


Referenti:

Consulente senior Giuseppe Maria Micale - cell. 3358337593
Consulente senior Rossella Paciolla - cell. 3934934444

e-mail: info@agevola.org

BENEFICIARI:
- Un'impresa di piccola dimensione come da definizione di cui all'Allegato I del Regolamento (UE) 651/2014 della Commissione del 17 giugno 2014, in regime di contabilità ordinaria, che: 
1. alla data di presentazione della domanda abbia già approvato almeno tre bilanci; 
2. abbia registrato nei tre esercizi precedenti un fatturato medio non inferiore a 1,5 milioni di euro ed abbiano registrato, nei 12 mesi antecedenti la presentazione della domanda, un numero di ULA almeno pari a 10.
 

- Un'impresa di piccola dimensione non attiva, controllata da una piccola impresa che abbia:
1. approvato almeno tre bilanci alla data di presentazione della domanda;
2. registrato nei tre esercizi precedenti un fatturato medio non inferiore a 1,5 milioni di euro;
3. registrato, nei 12 mesi antecedenti la presentazione della domanda, un numero di ULA almeno pari a 10.


INIZIATIVE AGEVOLABILI:
Le istanze di accesso devono riguardare progetti industriali di importi complessivi delle spese e dei costi ammissibili compresi tra 1 milione e 20 milioni di euro.

-Investimenti in "attivi materiali":

  • la realizzazione di nuove unità produttive; 
  • l'ampliamento di unità produttive esistenti; 
  • la diversificazione della produzione di un'unità produttiva in nuovi prodotti aggiuntivi; 
  • il cambiamento fondamentale del processo di produzione complessivo di un'unità produttiva esistente.
-Investimenti in ricerca:
  • ricerca industriale; 
  • sviluppo sperimentale.
-Investimenti in servizi di consulenza:
  • per l'innovazione delle imprese; 
  • riguardanti l'ambiente; 
  • la responsabilità sociale ed etica; 
  • l'internazionalizzazione d'impresa.
-Investimenti per lo sviluppo dell'e-business:
  • sviluppo e la personalizzazione di applicazioni infotelematiche; b. la gestione e la sicurezza delle transazioni economiche su reti telematiche (ad esempio applicazioni di e-commerce, applicazioni business-to-business, ecc.) e per l'integrazione di questa con gli altri sistemi informativi aziendali (ad esempio: gestione magazzino, vendite, distribuzione, amministrazione, Business Intelligence, Customer Relationship Management). 
  • investimenti per la tutela ambientale relativi esclusivamente alle misure di risparmio energetico.
SPESE AMMISSIBILI:
Spese in attivi materiali:

  • acquisto del suolo aziendale e sue sistemazioni entro il limite del 10% dell'importo dell'investimento in attivi materiali; 
  • opere murarie e assimilate; 
  • infrastrutture specifiche aziendali; 
  • acquisto di macchinari, impianti e attrezzature varie, nuovi di fabbrica, ivi compresi quelli necessari all'attività di rappresentanza; 
  • acquisto di programmi informatici commisurati alle esigenze produttive e gestionali dell'impresa; 
  • acquisto di brevetti, licenze, know-how e conoscenze tecniche non brevettate concernenti nuove tecnologie di prodotti e processi produttivi, per la parte in cui sono utilizzati per l'attività svolta nell'unità produttiva interessata dal programma.
Spese in attivi immateriali:
Per i programmi di ricerca industriale ovvero sviluppo sperimentale sono ammissibili:

  • spese di personale (ricercatori, tecnici e altro personale ausiliario nella misura in cui sono impiegati nel progetto di ricerca), a condizione che lo stesso sia operante nelle unità locali ubicate nella regione; 
  • i costi della strumentazione e delle attrezzature utilizzate per il progetto di ricerca e per la sua durata. Se l'utilizzo della strumentazione e delle attrezzature in questione ai fini del progetto di ricerca non copre la loro intera durata di vita, sono considerati ammissibili solo i costi d'ammortamento corrispondenti al ciclo di vita del progetto di ricerca, calcolati secondo i principi della buona prassi contabile; 
  • i costi della ricerca acquisita contrattualmente da terzi, nonché le competenze tecniche ed i brevetti acquisiti o ottenuti in licenza da fonti esterne a prezzi di mercato tramite una transazione effettuata alle normali condizioni di mercato e che non comporti elementi di collusione, così come i costi dei servizi di consulenza e di servizi equivalenti utilizzati esclusivamente ai fini dell'attività di ricerca; 
  • le ulteriori spese generali direttamente imputabili al progetto di ricerca; 
  • altri costi d'esercizio, inclusi costi dei materiali, delle forniture e di prodotti analoghi, direttamente imputabili all'attività di ricerca.
Con riferimento agli investimenti per servizi di consulenza per l'innovazione delle imprese sono ammissibili:
  • spese per l'acquisto di servizi di consulenza specialistica su specifiche problematiche direttamente afferenti il progetto di investimento presentato.
DECORRENZA DELLA SPESA:
Dalla data di presentazione della domanda.
 

TERMINI DI PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE:
a sportello (fino ad esaurimento fondi).

SETTORI DI INTERVENTO:
Attività manifatturiere di cui alla sezione "C" della Classificazione delle Attività economiche ATECO 2007";

Settori esclusi:

  • pesca e acquacoltura; 
  • costruzione navale; 
  • industria carboniera; 
  • siderurgia; 
  • fibre sintetiche; 
  • attività connesse con la produzione primaria (agricoltura e allevamento).

Posta un commento