sabato 7 dicembre 2013

Microcredito d'impresa della Regione Puglia - vecchia programmazione 2007-2013

+ No comment yet

Il fondo Microcredito d’impresa è lo strumento con cui la Regione Puglia offre alle micro imprese pugliesi un finanziamento per la realizzazione di nuovi investimenti o per spese di gestione.
L’obiettivo del Fondo è quello di finanziare imprese “ non bancabili”  che non hanno cioè i requisiti patrimoniali e finanziari per ottenere un finanziamento dal sistema bancario.
 
Soggetti beneficiari:
imprese che al momento della presentazione della domanda devono:
 - essere costituite da meno di 5 anni e aver emesso la prima fattura almeno 6 mesi prima della domanda preliminare di finanziamento;
 - avere meno di 10 addetti e non essere partecipata per la maggioranza da altre imprese;
 - avere una delle seguenti forme giuridiche: ditta individuale, soc. coop. con meno di 10 soci, s.n.c., s.a.s, associazione tra professionisti, s.r.l. semplificata;
- Essere “non bancabile”, ossia:   
  • non avere liquidità per più di 50.000 euro;
  • non essere proprietari di immobili e macchinari per un valore superiore a 200.000 euro;
  • non avere un fatturato annuo superiore a 120.000 euro;
  • non aver beneficiato nell’ultimo anno di finanziamenti per un importo superiore a 30.000 euro.

Settori esclusi:  
  • pesca, agricoltura e zootecnia;
  • fornitura e produzione di energia, acqua e gestione di reti fognarie;
  • trasporto e magazzinaggio;
  • servizi di alloggio e di ristorazione ( compresi bar, pasticcerie, rosticcerie, gelaterie, ecc.);
  • attività finanziarie, assicurative ed immobiliari;
  • attività di noleggio e leasing operative;
  • attività riguardanti le lotterie, le scommesse e le case da gioco;
  • attività di organizzazioni associative;
  • attività commerciali e di intermediazione.
Le attività di consulenza e professionali potranno accedere ai finanziamenti del Fondo esclusivamente in forma di società o associazione tra professionisti.

Entità di finanziamento: 
i finanziamenti saranno erogati ai destinatari sotto forma di mutui con le seguenti caratteristiche:
  • importo: Da 5.000 a 25.000 euro;
  • durata massima: 60 mesi ( più preammortamento della durata di 6 mesi);
  • tasso d’interesse: fisso, pari al 70% del tasso di riferimento;
  • tasso di mora: in caso di ritardato pagamento, si applica al beneficiario un interesse di mora pari al tasso legale;
  • rimborso: in rate mensili costanti posticipate. E’ data la possibilità a tutte le imprese finanziate, in qualsiasi momento, di richiedere l’estinzione anticipata del finanziamento;
  • modalità di rimborso: RID rapporto interbancario diretto con addebito sul conto corrente.
Alle imprese che avranno rispettato tutte le scadenze del finanziamento con la restituzione degli importi dovuti entro i termini previsti, sarà riconosciuta una premialità di importo pari a tutti gli interessi pagati nel corso degli anni.

Garanzie richieste:
Fatta eccezione per le soc. coop. e per le s.r.l. semplificata, per la concessione del finanziamento non saranno richieste garanzie reali, patrimoniali e finanziarie.
Ai fini dell’ammissibilità della domanda di finanziamento, l’impresa dovrà indicare le generalità di una persona che esprimerà una “garanzia morale” sulla solvibilità e sulla correttezza del soggetto proponente.
La garanzia morale, che non potrà essere rilasciata dietro compenso, non costituisce responsabilità patrimoniale del garante rispetto al buon esito dell’iniziativa finanziata.
Potranno rilasciare garanzie morali persone che operano con un ruolo di riferimento rispetto a specifiche organizzazioni, associazioni, comunità o gruppi sociali purchè radicati sul territorio in cui operano.
Il garante morale dovrà garantire:
  • di conoscere personalmente i soci o promotori dell’iniziativa che richiedono il finanziamento del fondo e di ritenere gli stessi affidabili sotto il profilo morale;
  • di essere a conoscenza del piano d’investimento per il quale è richiesto il finanziamento e delle capacità finanziarie dei soci/impresa anche in ragione delle caratteristiche dell’iniziativa;
  • di rendersi disponibile a fornire informazioni in merito al soggetto garantito per assicurare il corretto svolgimento dell’iniziativa e la restituzione del finanziamenti. 
Spese finanziabili:
- Spese d’investimento ( almeno il 30% del totale):
  • opere murarie e assimilate;
  • macchinari, impianti attrezzature, automezzi di tipo commerciale;
  • programmi informatici, brevetti e licenze;
- locazioni di immobili, affitto apparecchiature di produzione;
- utenze;
- polizze assicurative.

Posta un commento